Moda e fotografia: Richard Avedon in mostra a Palazzo Reale di Milano

Moda e fotografia. Ritratto di Richard Avedon

Palazzo Reale di Milano omaggia la carriera del grande fotografo Richard Avedon

Richard Avedon, il mago della fotografia legata alla moda va in mostra a Milano. Il fotografo e ritrattista, scomparso a Sant’Antonio il 1° ottobre 2004, sarà protagonista di un’imperdibile esposizione a Palazzo Reale di Milano. Il percorso espositivo racconterà, magistralmente, la crescita professionale del fashion photographer newyorkese, ponendo l’attenzione sulle innovazioni stilistiche e tecnologiche che l’artista statunitense ha cagionato nell’industria della fotografia.

Marilyn Monroe ritratta da Richard Avedon
Marilyn Monroe ritratta da Richard Avedon

Oltre cento fotografie di varie dimensioni saranno le testes dell’incredibile mostra Richard Avedon: Relationships che relazione il pubblico all’eredità artistica lasciata dall’artista, ancora oggi oggetto di venerazione sulle più importanti riviste di settore.

Moda e fotografia: una curiosità su Richard Avedon.

Richard Avedon ebbe un mentore, non uno qualunque. Il suo precettore fu tra i protagonisti del fotogiornalismo internazionale; un virtuoso della cellulosa che seppe modulare le sue due più grandi passioni: la fotografia e la pittura. Questo maestro risponde al nome di Cecil Beaton. Avedon, così come Irving Penn e Philippe Halsman si sforzarono a interpretare la personalità del modello di Beaton conferendo, alla fotografia, un fascino accattivante sapendo risaltare il carattere del modello attraverso l’uso della luce naturale e il bianco e nero. Delle sue fotografie, dirà: “Non mi piacciono gli espedienti a base di giochi di luce o pose particolari. Il bianco aiuta a separare il personaggio dal resto. Il grigio invece protegge, abbraccia, riscalda, ti fa emergere dall’ombra alla luce. Racconta un’altra storia. Nel bianco sei solo.”

Paul Mc-Cartney e Jean Shrimpton

Le fotografie di Moda di Richard Avedon in mostra a Milano

Il percorso si suddivide in dieci sezioni costruite attorno alla fotografia di moda e alla ritrattistica. Si parte con una serie di foto scattate al suo esordio da fotografo, con modelle posanti in studio (1960 circa). Si procede, poi, con gli scatti in età più matura che mostra l’evoluzione stilistica di Richard, elaborando scenografie più minimaliste rispetto ai suoi inizi.

La mostra, resa possibile grazie alla collaborazione con il Center for Creative Photography di Tucson (Arizona) include anche un consistente corpus di immagini che vedono al centro del progetto, l’amico Gianni Versace e le sue collezioni (dal 1980 sino al 1998 con l’eredità lasciata nelle mani della sorella Donatella).

Marella Agnelli fotografata da Richard Avedon
Marella Agnelli (1953)

I ritratti di Richard Avedon in mostra a Milano

Non solo moda. Negli archivi di Richard Avedon esiste anche un corposo contributo alla ritrattistica. Sotto i suoi riflettori sono apparsi volti noti alla cinematografia internazionale, politica, moda e musica. Come Cecil Beaton, anche Richard Avedon ritraeva i soggetti cogliendo l’emozione che essi riuscivano a far trapelare. Davanti al suo obiettivo, And Warhol e Truman Capote, i Beatles, Michelangelo Antonioni, Marella Agnelli, Sofia Loren, Kate Moss, Marilyn Monroe e il Dalai Lama, solo per citarne alcuni.

Tutte le informazioni sulla mostra Richard Avedon: Relationships

La mostra, promossa dal Comune di Milano-Cultura, prodotta e organizzata da Palazzo Reale e Skira Editore in collaborazione con il Center for Creative Photography e la Richard Avedon Foundation è curata da Rebecca Senf, responsabile della collezione del Center for Creative Photography e vede come main partner Versace e media partner Vogue Italia.

Dal 22 settembre 2022 al 29 gennaio 2023.

Orario

Lunedì chiuso
Martedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica 10.00 -19.30
Giovedì 10.00 – 22.30
(la biglietteria chiude un’ora prima).

Biglietti

Open € 17,00
Intero € 15,00
Ridotto € 13,00

VIVATICKET biglietteria ufficiale di mostra

Stefania Carpentieri

Ho fondato Volgare Italiano per un clic sbagliato. Senza ragionarci e senza la consapevolezza di averlo fatto. Ho lavorato sempre per gli altri avendo poca soddisfazione. Gli anni nell'editoria legata alla moda, bastano. Ora è il momento di guardare avanti. Sono un sagittario, capirete.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.