Junk Kouture: la piattaforma che arriva dritta alle scuole di moda

Junk Kouture, Milano

Le scuole italiane protagoniste nel progetto Junk Kouture per la promozione dei giovani studenti che saranno gli eco-designer del futuro

Junk Kouture annuncia la giuria dell’attesa finale del 23 maggio a Milano. A decidere chi saranno i dieci giovani designer a rappresentare l’Italia nel mondo saranno: Sara Sozzani Maino, Matteo Ward e Fabio Piras.

Wonderland Dress. Look ispirato ad Alice nel Paese delle Meraviglie
Wonderland Dress

Una piattaforma attiva in tutto il mondo, da New York a Milano, sino a Abu Dhabi, Londra, Berlino e Parigi che pone, sul piano di lavoro, una missione importante: mettere in vetrina i nuovi talenti della moda che segneranno il futuro eco-friendly di un sistema sempre più inquinante e che arranca sebbene impegnato a rendere più sostenibile la seconda industria più inquinante al mondo, dopo quella petrolifera.

Oltre 1000 scuole hanno aderito all’iniziativa ma i numeri sono ancora più importanti. Grazie a questo progetto, infatti, oltre 40.000 kg di rifiuti tessili sono stati riutilizzati.

Junk Kouture. Abito Candy
Junk Kouture. Abito Candy

Questa edizione, che vede protagonisti giovanissimi creativi under 18, è volta a incoraggiare le future generazioni a mettersi in competizione e a elaborare progetti sempre più circolari.

Sara Sozzani Maino, Worldwide Creative Talent Curator, ruolo con cui sostiene e scopre i nuovi talenti worldwide; Fabio Piras, Direttore del Master of Arts in Moda alla Central Saint Martins; e Matteo Ward, CEO e Co-Founder di WRAD (studio di design e impresa innovativa creata per generare valore sociale), saranno i giudici presenti all’evento al Talent Garden Calabiana.

Dressgraft
Dressgraft

Junk Kouture, il progetto

Fondato in Irlanda nel 2010, Junk Kouture ha finora coinvolto oltre 100.000 partecipanti e prodotto 15.000 design, coinvolgendo il pubblico con 60 spettacoli sold-out. Dopo 12 anni di attività, il progetto vanta un successo globale, che spinge i fondatori a lanciare il Junk Kouture World Tour in cinque delle città più dinamiche del mondo: New York, Abu Dhabi, Londra, Milano e Parigi.

L’obiettivo è quello di raggiungere 13 città entro la fine del 2023 e 1 miliardo di giovani studenti entro il 2032. Il World Tour darà la possibilità alle nuove generazioni di esprimere la propria creatività, per un mondo sempre più sostenibile.

Scopri di più sul progetto

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Giusi Ferré, addio alla più influente giornalista della moda italiana

Moda e sostenibilità: la seconda industria più inquinante al mondo si sforza di essere etica

La Fiaba raccontata dall’eco-designer Tiziano Guardini, con gli scatti di Daniele Notaro

Stefania Carpentieri

Ho fondato Volgare Italiano per un clic sbagliato. Senza ragionarci e senza la consapevolezza di averlo fatto. Ho lavorato sempre per gli altri avendo poca soddisfazione. Gli anni nell'editoria legata alla moda, bastano. Ora è il momento di guardare avanti. Sono un sagittario, capirete.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.