Tadashi-Kawamata-MILANO-
Lifestyle

Tadashi Kawamata a Milano con la mostra che racconta i suoi nidi

Torna a Milano l’artista giapponese Tadashi Kawamata. I suoi Nets saranno in mostra al Building dal 31 marzo al 23 luglio 2022

Tadashi Kawamata. Nests in Milan, questo è il titolo dell’attesissima mostra al Building di Milano che vede protagonisti i nidi dell’artista giapponese.

Curata da Antonella Soldaini, l’esibizione è realizzata in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Brera, la Pinacoteca di Brera, la Fondazione Cariplo e il Grand Hotel et de Milan.

Sperimentare l’arte come se fosse un nido: Kawamata ci accompagna nelle sue grandi opere in legno che assurgono ogni valore che noi essere umani diamo al termine “nido“. Gli interventi site-specific sono realizzati negli spazi interni di Building e sulla sua facciata andando, poi, ad occupare gli esterni dell’Accademia di Brera, in un non-luogo che dialoga con l’intima sensibilità dell’artista che racconta la rinascita attraverso le sue opere. Tadashi, opera studiando il contesto sociale, riflettendo sulle relazioni umane. Le sue installazioni non coinvolgono un solo edificio, ma come racconta Tadashi Kawamata. Nests in Milan, va a coinvolgere il tessuto urbano della città che lo ospita.

Il nido realizzato con legno di recupero

La sua architettura si arreca l’onere di far riflettere sulla condizione stessa del nido come significato simbolico di crescita e accoglienza. Dal 1998, infatti, l’artista plasma questo elemento primitivo come evoluzione delle stratificazioni culturali e sociali.

Chi è Tadashi Kawamata

Nasce a Hokkaido nel 1953 e attualmente vive tra Tokyo (è stato docente all’Università do Belle Arti di Tokyo dal 1999 al 2005) e Parigi, dove insegna all’Accademia delle Belle Arti della città. È stato anche nominato direttore creativo della seconda Triennale di Yokohama in Giappone.

Tadashi Kawamata

Lungo la sua carriera ha esposto nei maggiori Paesi al mondo. Le sue opere sono state accolte Alla Serpentine Gallery a Londra, al Kunsthalle, Recklinghausen, Meguro Museum of Art di Tokyo. E ancora, Palazzo Strozzi, Biennale di Venezia, Centre Pompidou Metz, Pushkin Museum (Mosca) , MAAT Museum of Art Architecture and Technology di Lisbona.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Giardino di Ninfa, le date d’apertura del 2022

MAXXI Roma, il museo a favore del popolo ucraino

Riapre Palazzo Pesaro degli Orfei di Venezia, il regno di Mariano Fortuny

Ho fondato Volgare Italiano per un clic sbagliato. Senza ragionarci e senza la consapevolezza di averlo fatto. Ho lavorato sempre per gli altri avendo poca soddisfazione. Gli anni nell'editoria legata alla moda, bastano. Ora è il momento di guardare avanti. Sono un sagittario, capirete.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *