Donnafugata Tancredi
Food

Donnafugata, i vini da regalare a San Valentino

Con Dolce & Gabbana, i vini di Donnafugata si vestono di glamour siciliano e per San Valentino diventano un’idea regalo speciale

Un rosso, un rosé o, per chi lo desidera, un bianco: i vini della cantina Donnafugata sono tra i più apprezzati al mondo e con Dolce & Gabbana, si vestono di glamour internazionale.

Il sole caldo della Sicilia, le alte vette dell’Etna; la salsedine del mare sospinta dai venti di scirocco: sono questi gli ingredienti principali del successo della cantina Donnafugata; un vigneto che vegeta rigoglioso non solo sostenuto dalla generosità di una terra ricca ma anche coltivata dell’operosità degli imprenditori e la dedizione dei suoi impiegati.

Bottiglie Tancredi Donnafugata 2018
Tutte le taglie di bottiglie Tancredi Donnafugata

Tancredi 2018 e tutti i vini Donnafugata by Dolce & Gabbana

Tancredi 2018: questo è il nome del rosso che il duo di stilisti ha voluto rivoluzionare con un’etichetta e un packaging che ricalca l’estetica della griffe fondata da Stefano Gabbana e Domenico Dolce. Al piacevole gusto del vino, si associa il barocco aristocratico dell’etichetta che celebra i fasti di una classe sociale di cui, oggi, si conosce solo il fortunato passato; l’oro impugna l’intenso e misterioso blu, il passionale rosso e i dettagli della coccarda in bianco, rosso e verde rimandano ai valori siciliani post Unità d’Italia.

Un nettare che all’olfatto si distingue per le note fruttate di prugna e mirtilli, seguite da nuances speziate di liquirizia e tabacco dolce. In bocca, il suo gusto è avvolgente. Agli appassionati della letteratura e cinematografia italiana, il nome Tancredi non suonerà nuovo. Il vitigno autoctono, che nasce nel 1990, si ispira, infatti, al nome del nipote prediletto del principe di Salina, protagonista de Il Gattopardo scritto dal romanziere Giuseppe Tomasi di Lampedusa.

I vini dell’etichetta Donnafugata

Stefano e Domenico realizzano anche la cover dell’Isolano 2019, vino dal raffinato bouquet con sentori agrumati e note di ginestra in fiore ed erbe mediterranee. Per Rosa, vino con ampio bouquet di gelsomino e petali di rosa, con delicate note fruttate di ribes e bergamotto, invece, gli stilisti disegnano un’etichetta che pare una maiolica delicata, dai toni del rosa, del bianco, blu e oro.

Tutti i vini Donnafugata sono vinificati in acciaio e affinate, per 12 mesi, in rovere e almeno 2 anni in bottiglia prima dell’uscita.

Sul sito della cantina, inoltre, è possibile consultare le ricette che meglio si abbinano al vino da portare a tavola.

Scopri tutta la selezione di vini cliccando qui.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Food trend 2022: il Negroni sarà il cocktail dell’anno

100 anni di Baci Perugina, il dolce di Luisa Spagnoli

Gucci café, a Firenze apre il lussuoso Giardino 25

Ho fondato Volgare Italiano per un clic sbagliato. Senza ragionarci e senza la consapevolezza di averlo fatto. Ho lavorato sempre per gli altri avendo poca soddisfazione. Gli anni nell'editoria legata alla moda, bastano. Ora è il momento di guardare avanti. Sono un sagittario, capirete.